ACAD

-Associazione Contro gli Abusi in Divisa – ONLUS –

Aggiornamento Processo Santa Maria Capua Vetere

Si è tenuto ieri, 3 febbraio 2022, il seguito dell’udienza preliminare davanti al Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il processo a carico di dirigenti del Dap e Agenti della Polizia penitenziaria per le violenze avvenute in carcere nell’aprile del 2020.
Dopo numerose udienze, il Giudice ha sciolto la riserva in relazione all’ammissione delle parti civili, detenuti ed enti che ne hanno fatto richiesta.
Con un lungo provvedimento, Acad, insieme ad altre associazioni, è stata ammessa come parte civile nel processo per poter affiancare e sostenere le difese dei detenuti in un processo che sarà certamente lungo e complesso.

Aggiornamento Processo Traore

Si è tenuta venerdì scorso a Palmi una nuova udienza del processo per la morte di Sekine Traorè, ucciso da un colpo di pistola sparato da un carabiniere nella tendopoli di San Ferdiando l’8 giugno 2016 .
Nell’udienza è stato ascoltato come testimone l’ultimo poliziotto intervenuto quel giorno.
Il processo è stato poi rinviato al 27 aprile, ore 14.00, per l’esame dei due medici legali che hanno effettuato l’autopsia e dell’imputato

Aggiornamento processo Santa Maria Capua Vetere

Si è svolta ieri nell’ aula bunker del carcere di Santa Maria Capua Vetere il prosieguo dell’udienza preliminare per le violenze ai danni dei detenuti avvenute durante il lockdown 2020.
Altre persone offese hanno depositato nuove costituzioni di parte civile e sono emersi i primi contrasti sulle legittimazioni delle associazioni in difesa dei diritti civili come ACAD ad essere presenti nel processo.
Il Gip ha ribadito la riserva e rinviato la decisione sulla legittimazione delle costituzioni di parte civile delle persone offese alla prossima udienza fissata per il 25 gennaio 2022.

Aggiornamento processo Traore

Si è tenuta ieri presso il Tribunale di Palmi una nuova udienza del processo per la morte di Sekine Traore, ucciso da un carabiniere nella tendopoli di San Ferdinando nel giugno 2016.
Anche l’udienza di ieri è stata principalmente incentrata sull’esame dei testimoni dell’accusa, ovvero un carabiniere presente al momento dei fatti ed un poliziotto della scientifica intervenuto successivamente per i rilievi.
Il carabiniere ha sostanzialmente confermato quanto già dichiarato in sede di sommarie informazioni, confermando la colluttazione, l’accoltellamento e di conseguenza lo sparo. Il poliziotto della scientifica ha invece illustrato i rilevi effettuati nella tenda e sui reperti rinvenuti, tra i quali il coltello presumibilmente utilizzato per l’aggressione al carabiniere, rilevando però l’assenza di sangue sullo stesso.
Il processo è stato rinviato al 28.01.22, alle ore 15.30, per l’esame dell’ultimo agente operante e dei due medici legali che hanno effettuato l’autopsia sul corpo di Sekine.

Aggiornamento Processo Traore: udienza del 00.04.2021

Si è appena conclusa una nuova udienza del processo per la morte di Sekine Traore, avvenuta l’8 giugno 2016 nella Tendopoli di San Ferdinando.
In data odierna è stato ascoltato un solo teste, un carabiniere, rispetto ai tre citati per oggi.
Sostanzialmente conferma quanto dichiarato in seguito all’intervento, la versione, dunque, del colpo sparato dopo l’aggressione, anche se dichiara di non avrer assistito all’esplosione del colpo e di non essersi reso contro nell’immediato di ciò che stava accadendo.
La prossima udienza è stata fissata per l’11 giugno alle ore 14:30 per ascoltare gli altri due carabinieri e i due poliziotti.

Aggiornamenti processo Traore

Si è tenuta oggi a Palmi (RC) una nuova udienza del processo per la morte di Sekine Traore, ucciso da un colpo di pistola sparato da un carabiniere durante un intervento nella tendopoli di San Ferdinando nel giugno 2016.
L’udienza si è aperta con nuove eccezioni della difesa dell’imputato riguardo alle costituzioni delle parti civili già ammesse (ovvero ACAD, fratello e sorella di Sekine) nonché dalle eccezioni sulla carenza di legittimazione passiva del Ministero della Difesa quale responsabile civile avanzate dall’Avvocatura dello Stato.
Per la terza volta dall’inizio del processo ci siamo dovuti difendere dai tentativi di estromissione ed anche oggi il Tribunale ha confermato la piena legittimazione di ACAD a stare in giudizio, rigettando tutte le eccezioni della difesa dell’imputato e dell’Avvocatura dello Stato.
Superata definitivamente la fase delle questioni preliminari, il processo è entrato nel vivo con l’esame di due testimoni appartenenti all’arma dei carabinieri.
Prossima udienza il 09/04/21 con l’esame di altri tre testi.