Serata benefit ACAD – Partita // Cena// Concerto al CPA FiSud

 

//BASTA ABUSI in Divisa NIGHT// Benefit ACAD ACAD Associazione Contro gli Abusi in Divisa – Onlus al CPA Firenze sud
H 18:00 Proiezione di JuveMerda- FIORENTINA
H 20:45 Cena benefit ACAD per sostenere le spese medico-legali della morte di Arafet Arfaoui, ennesima vittima nelle mani delle forze dell’ordine, morto ad Empoli il 17 gennaio scorso con le manette ai polsi e i piedi legati da una corda.
H 22:30 Apertura sala concerti e live con :
MALEDUCAZIONE ALCOLICA – Early Reggae#SKA#Rock Steady#Punk dalla Tuscia
https://facebook.com/MaleducazioneAlcolica
http://www.songkick.com/concerts/37793634-maleducazione-alcolica-at-cpa-firenze-sud
PRODOTTI LOCALI – Musica nostrana – Oi da Bergamo
https://www.facebook.com/prodottilocalipunkoi/
https://www.youtube.com/channel/UC_3IWmTXVS6TM9zfg7sciSg/videos
A SEGUIRE DJ SET TRASH

Posted in Eventi | Tagged , , | Leave a comment

Presentazione VLAD al CSOA La Strada

Sabato 13 aprile 2019 ore 20.00
Saremo al CSOA La Strada prima di “Sound of the Riot” annuale incontro a sostegno dei collettivi studenteschi.
Per presentare VLAD – Vademecum Legale contro gli Abusi in Divisa
Il lavoro che da mesi stiamo portando avanti con Alterego – Fabbrica dei diritti, per tutte e tutti, che racconta i diritti che ogni cittadino ha quando incontra le Forze di Pubblica Sicurezza e dei doveri che queste ultime devono rispettare.
Ne parliamo con:
Riccardo Bucci (Alterego – Fabbrica dei diritti)
Cesare Antetomaso (Giuristi Democratici)
The Sando (illustratore di Vlad)

Posted in Eventi | Tagged , | Leave a comment

Confermate le condanne per la morte di Stefano Gugliotta

Confermate dalla Corte di Cassazione le condanne del processo d’appello, per gli 8 agenti accusati delle violente percosse a Stefano Gugliotta della sera del 5 maggio del 2010.
Gli stessi agenti erano già stati condannati in primo grado nel giugno del 2014, mentre a novembre del 2017 si erano visti diminuire le condanne per le attenuanti generiche.
Nove anni per un briciolo di giustizia, per come sono andate le precedenti sentenze di Cassazione per i processi di abusi in divisa, Stefano, la famiglia e i legali si ritengono soddisfatti.

Posted in Processi | Tagged | Leave a comment

Presentazione Vademecum legale contro gli abusi in divisa a Genova

Presentazione del Vademecum Legale contro gli Abusi in Divisa, frutto del lavoro degli attivisti di ACAD e degli avvocati di Alterego.
Un manuale per resistere alla repressione sempre più dura e comprendere quali sono i diritti dei cittadini e i doveri delle forze dell’ordine.

Sabato 23 marzo 2019, ore 19:00
CSOA Pinelli
Via Fossato Cicala 22, Genova

Posted in Eventi | Tagged , | Leave a comment

AGGIORNAMENTO PROCESSO PAOLO SCARONI

Terminato da poco il processo d’appello di oggi per il pestaggio subito da Paolo Scaroni il 24 settembre del 2005, presenti in aula Paolo con sua moglie e la sua famiglia, l’amico e regista del documentario Film “Corpo a Corpo” Francesco Corona, noi di Acad, attivisti di Amnesty e 5 dei 6 imputati.
Il giudice ha esordito con una premessa molto importante, che chiarisce la posizione della squadra mobile di Bologna intervenuta su Paolo, in sintesi “i componenti della squadra mobile (6 celerini ancora imputati, uno assolto), anche se non fosse possibile individuare l’esecutore, o gli esecutori, materiali dei fatti, rispondono tutti in termini di concorso per non aver interrotto l’ azione lesiva. Per la 603 3bis vi è l’obbligo del giudice a procedere nei confronti di tutti gli imputati, il processo prosegue con le deposizioni dei primi 4 test: Scaroni, Taufer ex responsabile della polizia giudiziaria di Verona, il funzionario della PS Vitaliti e il testimone Galdini. Dalle dichiarazioni della Taufer continua la convinzione che nelle immediate vicinanze della squadra mobile di Bologna, ci fossero anche altre squadre celere di cui sicuramente quella di Padova. Purtroppo la frase più ricorrente è il classico “non ricordo”, ma le lesioni e le conseguenze che ha subito quel giorno Paolo con la scellerata, immotivata e violentissima azione delle forze dell’ “ordine” presenti, rimarranno indelebili per sempre.
Prossima udienza con le deposizioni degli altri 4 test il 29 marzo.
VERITÀ PER PAOLO, BASTA IMPUNITÀ.

Posted in Processi | Leave a comment

La mattanza in Divisa contro la tifoseria dell’Atalanta

atalanta

In questo articolo, raccoglieremo tutte le testimonianze che ci stanno arrivando dopo i fatti accaduti a Firenze quando la partita di calcio di Coppa Italia era ormai finita, un evento sportivo in cui non sono MAI avvenuti incidenti tra le tifoserie opposte. Né prima, né durante, né dopo il match.
Come Acad, Associazione Contro gli Abusi in Divisa, cogliamo l’occasione per esprimere solidarietà, vicinanza e tutto il supporto necessario alle persone colpite dalla mattanza avvenuta mercoledi sera, dove i veri “teppisti” sono stati agenti in divisa come testimoniano le immagini qui sotto riportate.

Questo è quello che è successo la scorsa notte ai tifosi atalantini, di ritorno dalla partita di Coppa Italia giocata a Firenze: calci, pugni, manganellate, insulti.

Gravissima aggressione poliziesca!

COSA SUCCEDE QUANDO IL MINISTRO DEGLI INTERNI GIOCA A VESTIRSI DA POLIZIOTTO? GRAVISSIMA AGGRESSIONE POLIZIESCA AL CASELLO DI FIRENZE!Guardate questo video. Questo è quello che è successo mercoledì notte al casello di Firenze dopo la partita di Coppa Italia Fiorentina – Atalanta.Dopo due giorni di immagini testimonianze e video è ormai chiaro quello che è successo ed è molto preoccupante.Senza alcuna motivazione, la polizia in assetto antisommossa ha fermato i bus dei tifosi dell'Atalanta che stavano tornando a casa dopo una partita tranquillissima, è salita a bordo, ha manganellato tutti, picchiato, minacciato, identificato . E poi ha fatto partire in tempo reale comunicati stampa per creare una criminalizzazione nell'opinione pubblica.In questo video si capisce la dinamica dei fatti, la gratuità del tutto, ci sono molte altre testimonianze dirette. Pensate che adirrittura Gori, il sindaco del PD di Bergamo – un renziano, non proprio amico degli ultras! – è stato costretto a scrivere a Salvini, Ministro dell'Interno, per chiedere spiegazione sull'accaduto.La stessa sera la polizia è tornata a caricare in curva, a La Spezia contro il Livorno. Anche qui sembra tutto mosso da un pretesto: mentre per i tifosi dell'Atalanta si è parlato della necessità di identificare (è questo il modo di farlo?) due persone resesi responsabili di aggressioni contro i tifosi fiorentini (ricostruzione poi smentita), a La Spezia il pretesto è stata uan accessa discussione con degli steward che stavano provocando i tifosi del Livorno. È così che si deve compartare la polizia? è così che i supposti tutori dell'ordine pubblico devono agire? invece di calmare gli animi picchi e terrorizzi tutti, anche chi stava lì a vedersi la partita?È evidente: vedere un Ministro dell'Interno tutti i giorni vestito da poliziotto, avere rassicurazioni sull'impunità, pare abbia fatto perdere la testa a molti, dai dirigenti delle forze dell'ordine fino all'ultimo poliziotto.Quello che vediamo in atto è il tentativo di distruggere ogni forma di aggregazione, di spaventare, di mostrare i muscoli. Lo abbiamo visto con lo sgombero dell'Asilo di Torino e la folle militarizzazione del quartiere Aurora, mercoledì lo abbiamo visto con questa aggressione violenta agli ultras dell'Atalanta.Se non capisci chi comanda, molto bene, te lo fanno capire loro, a suon di botte.Dobbiamo schierarci subito, dobbiamo fermare questa barbarie! Perché è sempre stato così: si inizia dalle curve, dagli anarchici, da chi si crede di poter facilmente criminalizzare per poi trasportare queste misure represseve, questo livello di controllo e violenza alla società tutta. Oggi è toccato agli ultras, domani toccherà a qualche altro singolo/a cittadino/a come Cucchi, Magherini, Aldrovandi, domani capiterà a qualche ragazzo a ragazza a una manifestazione.Mandiamo tutta la nostra solidarietà e un augurio di pronta gaurigione a chi ha dovuto subire tutto questo.A noi queste prove di regime autoritario spaventano. Organizziamoci, ribelliamoci, fermiamoli subito!

Publiée par Potere al Popolo sur Vendredi 1 mars 2019

Continue reading

Posted in Comunicati, Rassegna stampa | Tagged , | Leave a comment